TUTTO IL RESTO... - viaggi, food & beverage

36 ore a… CATANIA – la mia guida a sole, eclettismo e arancini.

 

Non chiedetemi perché ma, in Italia, conosco almeno 5 città che vengono costantemente paragonate a Seattle.

Catania è una di queste: la fiorente scena musicale degli anni ’90, figlia degli exploit di Carmen Consoli e Mario Venuti, ha sicuramente contribuito a cementare il parallelismo.

Non credo però che, affinità “acustiche” a parte,  il capoluogo siculo abbia punti in comune con la metropoli americana: un paio di giorni sono bastati per rendermi conto di quanto Catania sia splendidamente unica.

Se avete intenzione di farci un viaggetto, qui trovate qualche consiglio per spendere bene il vostro tempo…



IMG_20170114_105115 IMG_20170114_152141

 

In primis, SPINA DI PESCE.

Vagate, ragazzi: perdersi è impossibile. Catania, città di antiche origini greche, venne totalmente riprogettata dopo i terremoti del 1562/1663 e l’eruzione vulcanica del 1669.

In soldoni, significa che la pianta cittadina è estremamente semplice: molte piazze, viali ampi, struttura logica. I like it!

Da non perdere:

  • La Pescheria, dove sembra di essere in un quadro di Guttuso;
  • via dei Candelai, che ha un’atmosfera unica ed è patrimonio UNESCO;
  • una visita ai resti romani;
  • il Giardino Bellini;
  • la piazza dell’Elefantino;
  • il complesso di San Nicolò l’Arena, sede universitaria e meraviglia di più epoche.

 

Catania, gennaio 2017: 32 ore, 39 km, 4062 kcal; il Barocco, il Romano, la Pescheria, le pasticcerie, la piccola Londra, lo street food, 12°C, i parchi, il mare, l’amore. /// #catania #nofilter #skyporn #travel #weekend #sicily #sicilia #italy #italiangirl #wanderlust #wander #blue #italia #sea #holidays #diciamonoaidisturbialimentari

Una foto pubblicata da Elena Perletti (@eleperl) in data:

 

Seconda dritta: beatevi dell’intelligente recupero delle architetture antiche per mezzo di strutture moderne.

Che siano ponticelli sospesi o ingegnose cupole metalliche dipinte di colori sgargianti, gli architetti incaricati della ristrutturazione dei resti romani e medievali hanno fatto, a Catania, uno splendido lavoro.

Il Teatro Romano e l’ex Monastero dei Benedettini sono IMPERIDIBILI!

Certo, non è tutto rose e fiori: molte parti di Catania sono davvero degradate ma il fascino di questa città sta anche in questo. Meno sfacciata di Palermo, ha un’eleganza sottile ma sempre palpabile.

 

IMG_20170115_121002 IMG_20170115_132618

 

Punto tre: cibo, che siete pur sempre in Sicilia.

Arancini (ragù, prosciutto, al burro, con melanzane); pesce (grigliato, nella pasta, crudo); cannoli; cassate; cassatine; tamarindo; selz e limone… e via, in crescendo.

Anche una semplice brioscina della colazione, qui diventa una bombetta super farcita di rawtella al pistacchio.

I posti migliori:

  • per le Arancine: SAVIA, di fronte al Giardino Bellini;
  • per le cassate: SPINELLA, a 10 metri dal suddetto Savia;
  • per il pranzo: il mercato del pesce;
  • per una cena romantica: fate una capatina in via Santa Filomena, un vicolo in cui si susseguono localini davvero belli;
  • per il dopo cena: la zona che va dal teatro Massimo Bellini a Palazzo Platamone, lo ZO alle Ciminiere, Via dei Crociferi.

 

IMG_20170115_141036

IMG_20170114_094906

 

Last but not least… a Catania fa caldino e c’è sempre il sole: volete mettere per me che vengo dalla fredda Bergamo?

Solo per questo, è il P A R A D I S O (no, non c’entra Tommaso dei The Giornalisti: Catania è una cosa bellissima… ANDATECI!)

lascia un messaggio

Altre creazioni

30 Settembre 14

Vestito fai da te

la mamma della sposa
21 Aprile 13

Sartoria fai da te

vestito a fiori con collo americano e cravatta
18 Gennaio 15

portacellulare con totem ricamato a punto croce

(embroidered smarthphone case)