CREAZIONI - donna

Di quando non cuci da mesi e non scrivi da qualcuno di più

Ho imparato a rispondere “Sono stata meglio” a “Come stai?”, invece del solito “Bene” accompagnato dal sorrisone.

Che gli ultimi mesi sono stati strani per tutti ma forse per me in modo peculiare.

Non scrivevo da Maggio, ho visto: direi che è emblematico.

Quindi, come sto:

  • sono stanca ma a breve andrò in vacanza;
  • mangio tante brioscine, in particolare -se possibile- le trecce con l’uvetta e i canditi. O le veneziane con la crema e le uvette. O i cornetti al pistacchio, se la crema di pistacchio è buona (che se è una sbrodolata chimicissima mi incazzo di bestia);
  • non riesco a correre e di notte mi capita di avere i crampi;
  • …e tutto il resto, su cui sto lavorando.

 

Le foto

Marzia mi ha fatto queste foto pazzesche, dove io sembro elegante e preraffaelita, oppure una Mowgli ma ficosa (che poi è femminile e misteriosa).

Ma è la magia di Marzia, lo sapete.

Io sbatto contro le cose come le falene con le lampadine; mi inciampo; dico le parolacce; mi accaloro parlando di quello a cui tengo e smetto di essere razionale; mi sistemo i capelli con le mani con cui ho toccato le patatine fritte; prendo scelte sbagliate perché vorrei che al mondo fossero tutti felici e non si può; guaisco le canzoncine con una tonalità troppo alta spesso stonando pure; tendenzialmente parlo urlando; se bevo due birre sono ubriaca e poi mi addormento.

Nelle foto di Marzia, invece, c’è quel sintomatico carisma, quell’atmosfera sospesa in cui potrebbe essere tutto. E quel tutto è solo bello: pieno di promesse e di cose che succederanno, che saranno, che diventeranno.

Prima o poi faremo un backstage con io che saltello sui pontili a piedi nudi cantando “SHA-LA-LA IL RAGAZZO è TROPPO TIMIDO / CORAGGIO BACIALA” o che attraverso le balaustre e mi sporgo sui laghetti di torba con la consapevolezza che 99 su 100 finirò nell’acqua stagnante, con lei che ride e che mi dà indicazioni che fraintendo, che improvvisamente si fa seria e dice “Ok, ce l’abbiamo”.

Bella Marzia. Grazie, Marzia.

Il modello

Spoilero in parte il libro del giorno e mi collego all’uscita della serie tratta da Normal People.

Alla premiere, la protagonista aveva un Vivetta di cui mi sono innnnnamovaaaata. Se non sapete chi è Vivetta, bacchettate sulle mani.

Comunque, il senso è che l’ho ricreato a modo mio, complice questa voglia di bianco e di Sangallo che c’ho in ‘sta fase della mia vita.

 

Il libro del giorno

Pensavate davvero che fosse Normal People?

Ma no, cribbio è: Parlarne tra amici!

Secondo me è più bello di NP e la storia… ecco. Un po’ mi ci sono ritrovata.

 

Progressivamente l’attesa ha iniziato a sembrare meno un’attesa e più come se la vita non era che questo: il diversivo delle incombenze da assolvere mentre la cosa che aspetti continua a non succedere.

 

Volevo quotare la fine ma non la trovo. Ho trovato questa e mi è sembrata comunque bella.

Se avete letto il libro e lo trovate sopravvalutatao ed adolescenziale, c’avete ragione voi. Ma ogni tanto servono anche queste cose, come quando ascolti Gazzelle o la Mannoia.

 

Il pezzo del giorno

Sono quasi sicura che questa se l’aspettava un buon 87% di voi.

 

 

lascia un messaggio

Altre creazioni

16 Agosto 14

Sarta fai da te

gonna lunga in pizzo
17 Maggio 16

La gonna a cascata colorata

Cotone waxprint e ispirazione afro!
10 Luglio 14

Cucito fai da te

blusa a kimono per mamma