CREAZIONI - donna

Procrastinare, per confondere le acque

Devo finire di scrivere questo progetto.

Dovevo finire di scriverlo ieri, in realtà. Poi, ieri ho fatto un vestito (che adesso è in tintoria) e mi sono messa lo smalto (già sbeccato). Manco sono uscita a correre, ieri. Che pigra.

 

Pigra come una che posta delle robe fatte dalla ZiaG e non autoprodotte in un blog che, in linea teorica, dovrebbe parlare dei lavoretti suoi medesimi. Suoi di sè stessa, mica della suddetta zia. Mavabbè.

 

 

I modelli

Che vi posso dire, non avendoli fatti io?

Che sono strabelli e la ZiaG è bravissima.

Vi posso promettere che st’esperimento delle foto in cucina con l’autoscatto non lo ripeto più perchè ho capito che è una cacata pazzesca.

Il Caledario Pirelli non esce per caso, l’abbiamo imparato.

 

Il libro del giorno.

‘sta faccia da Bambi de noartri mi fa pensare a Ogni cosa è illuminata.

Che è un libro per certi versi tenerissimo e molto naif, che mi trovo spesso a consigliare.

 

Perchè Jonathan Safran Foer ha una scrittura delicata e spesso un po’ da “realismo magico anni zero” e riesce ad approcciarsi a temi molto delicati (il suo argomento-principe è certamente quello della Shoah, anche se in altri libri ha parlato di ambiente, veganismo etc).

Ogni cosa è illuminata è un libro che parla, essenzialmente, di radici. Di come siamo quello in cui siamo cresciuti ma di come possiamo anche rinnovarci. Di ricordo e della sua importanza. Di amore e di tutte le cose che ci spinge a fare, e di cos’è, e del fatto che forse non sia il sentimento più imporante, e forse sia pure quello più over-celebrato-senza-motivo ma è quello che, innegabilmente, muove il Mondo.

Di gratitudine. Che è quello che io sto provando a trovare in tutte le cose.

Di lasciar andare. Di indulgenza.

 

Da libro è stato anche tratto un film molto carino.

Il che mi fa pensare (“mi fa pensare” frase del giorno, ok. sorry) a quella volta che un amico mi disse “La vita è troppo breve per ascoltare dischi carini, leggere libri carini, guardare cose carine. Ci servono le cose belle”. Vero ma non troppo.

Ogni tanto ci servono le cose gratificanti, le cose sicure e riposanti.

Carino è sicuro e riposante. Bello è straniante e difficile e dilaniante e complesso e da interpretare.

Oggi, qui, per me, va benissimo una cosa carina.

 

Il pezzo del giorno.

oh se li conosco, dei posti.

 

lascia un messaggio

Altre creazioni

19 Gennaio 13

DIY accessories

La spilla a fiore
03 Maggio 13

Obi Belt?

Impara a cucirlo su RobaDaDonne!!
10 Luglio 14

Cucito fai da te

blusa a kimono per mamma