collaborazioni - CREAZIONI - TUTORIAL - TUTTO IL RESTO... - uomo

Progettare i Cartamodelli: gli Abiti Maschili – Recensione e progetto pratico: pantaloni per Beppe

 

Cucire per gli uomini è più complesso che farlo per le donne.

Dai, sartine, confessatelo: quante volte ve lo siete sentite dire?

Io, da quando ho cominciato, nel 2009. All’epoca -nella preistoria del cucito sul web, quando i designer indipendenti ancora non esistevano e i nostri a DIY erano vincolati a quello che Burda voleva proporci-, era praticamente impossibile trovare qualcosa di carino da realizzare per un maschio.

Per Beppe, facevo tonnellate di T-shirt, qualche cardigan e i suoi amati pantaloni bracaloni.

Per poi non parlare dei corsi: non ne ho fatti molti ma… mai NESSUNO si azzarda a insegnarti a realizzare e cucire dei vestiti maschili.

Insomma: un po’ per inesperienza, un po’ per paura, un po’ per mancanza di alternative valide, ho cominciato tardi a cucire cose serie da uomo.

 

progettare-cartamodelli-abiti-maschili

 

Ad un certo punto mi sono ripresa: camicie per Rahim, Alessandro e Beppe (due, to be true); una giacca per Beppe e una per Ale

Comunque, tutto su cartamodelli comprati, mai cose disegnate da me.

Poi, l’editore IL CASTELLO ti sgancia ‘sta bomba -> PROGETTARE I CARTAMODELLI: ABITI MASCHILI. Praticamente, una Bibbia del metodo geometrico applicato alla costruzione di cartamodelli per uomo.

Dai pantaloni alle giacche, dalle maglie ai trench coat, il libro è un manuale completo di TUTTI i capi della moda maschile, studiati e spiegati nel dettaglio.

Come non approfittarne?

jeans-da-uomo-costruzione-cartamodello

CREAZIONI DI MODA – PROGETTARE I CARTAMODELLI: ABITI DA UOMO di Teresa Gilewska per Il Castello Editore; pagina 210

beppe-panta-tuta-blu-3

CREAZIONI DI MODA – PROGETTARE I CARTAMODELLI: ABITI DA UOMO di Teresa Gilewska per Il Castello Editore; pagina 210

CREAZIONI DI MODA – PROGETTARE I CARTAMODELLI: ABITI DA UOMO di Teresa Gilewska per Il Castello Editore; pagina 87

 

Beppe aveva bisogno di due pigiami ma, conoscendo la sua (e la mia) avversione a questa tipologia di vestiario, l’impresa non era semplice. Non so perché entrambi odiamo i pigiami, fatto sta che, ci ritroviamo sempre ad usare pantaloni della tuta, felpe etc. Dio li fa e poi li accoppia.

Quindi, realizzare un paio di panta da notte per B è… cucire un paio di pantaloni normali.

beppe-panta-tuta-grigio-3
beppe-panta-tuta-grigio-2

beppe-panta-tuta-grigio-1

 

Mi sono cimentata nell’impresa con spirito colmo di dubbi e voglia di avventura e il risultato mi ha ripagato: il metodo descritto nel libro è VELOCE  e PRECISO. Non ho dovuto fare aggiustamenti: il cavallo calza bene, la gamba è perfetta.

Mi ha davvero sorpresa!

beppe-panta-tuta-blu-4
beppe-panta-tuta-blu-2 beppe-panta-tuta-blu-1

 

Presto proverò qualcosa di più complesso: vorrei realizzare una camicia da uomo un po’ avvitata con collo alla coreana: che sia la volta buona che la disegno da me?

Consiglio il libro a tutte le sarte e le modelliste che vogliano approfondire le modalità di disegno e confezione dei capi maschili. Credo che il libro sia MOLTO utile anche solo per capire come modificare un cartamodello già esistente.

Trovo che questa serie sia ben fatta e esaustiva anche per chi non ha studi alle spalle:  le spiegazioni sono chiare e semplici e i passaggi ben illustrati.

Di questa serie, avevo già recensito (anche lì, con entusiasmo!) CONFEZIONARE E RIFINIRE, il manuale dedicato ai dettagli di moda.

lascia un messaggio

Altre creazioni

12 gennaio 17

Progettare i Cartamodelli: gli Abiti Maschili

Recensione e progetto pratico: pantaloni per Beppe
08 settembre 16

Del mio primo Bustier e di come ti evito di cucire una "Toile"

Le cronache della sartoria.
05 luglio 17

Turban state of mind

Perché un giorno da #cessadicapelli capita a tutte (ma la sarta te lo risolve).